img

12-RICETTA SUBLIME

Lettera inviata a La Stampa



Egregi signori

ho letto la ricetta www.lastampa.it/2018/....

Ma sapete di chi state parlando mentre vi leccate le labbra?
Di un animaletto tenero, bianco e innocente, quello che vi strappa le carezze per la sua bellezza e la sua grazia. Una creatura che ha due occhi, un musetto e un cuore che batte di terrore.
Un animaletto che vuole la mamma come tutti noi, perchè anche lui è un mammifero (mamma, mammella), la mamma che lo ha partorito che lo proteggerebbe, lo alimenterebbe, lo curerebbe....ma che.....piangerà, separata da lui, ognuno solo nella propria inesorabile sofferenza.

Ma dov'è il cuore?
Quello strumento che ci fa provare emozioni, che  ci impone di sentire, di tremare, di inorridire, che riesce a metterci nei panni di chi viene sopraffatto?
Chi descrive la ricetta e la offre impunemente non è mosso da una vita ma da un meccanismo, quello di cui parlava Cartesio, colui che, vivendo nel suo gelido immaginario, privo di fremiti e di sentimenti, definiva il lamento di un animale straziato simile al rumore delle lancette di un orologio.

Io mi domando con stupore in quale circostanza e con quale disposizione d’animo l’uomo può toccare con la bocca il sangue e sfiorare con le labbra la carne di un animale morto; e imbandendo mense di corpi morti e corrotti, dà altresì il nome di manicaretti e di delicatezze a quelle membra che poco prima muggivano, belavano  e gridavano, si muovevano e vivevano. Come può la vista tollerare il sangue di creature sgozzate, scorticate, smembrate, come riesce l’olfatto a sopportarne il fetore?

Ecco allora, agnelli sgozzati, vite svilite, crudeltà cucinate insieme alla coscienza di chi al posto del cuore ha le lancette di un orologio.
A proposito: la frase in corsivo è di Plutarco, filosofo greco, 46-120 d.C. (Del mangiar carne).

Per un futuro migliore.

Firenze, 21 marzo 2018

Mariangela Corrieri
Presidente Associazione Gabbie Vuote ODV – Firenze
Membro del CAART (Coordinamento Associazioni Animaliste Regione Toscana)

www.gabbievuote.it