11-ALBERI E AMMINISTRATORI

Lettera inviata al Comune di Firenze a varie Associazioni e quotidiani



Gentili signori

secondo quanto leggiamo su La Nazione del 15 Marzo, il pino di Piazza Fardella al Salviatino è caduto senza un motivo apparente e, fortunatamente, senza danni alle persone.

Sul pino, sottoposto all'esame VTA nel 2017, non era stato evidenziato alcun problema e quindi giudicato di classe B "bassa" per propensione al cedimento secondo i parametri della SIA Società Italiana di Arboricoltura la quale definisce le operazioni di conservazione e messa in sicurezza più idonee sulle alberature e conseguente predisposizione di un opportuno piano di intervento pluriennale.

Stranamente invece, secondo il piano astratto del Comune, nel corso degli ultimi mesi sono stati abbattuti centinaia di alberi, anche sani, anche storici, anche protetti dalla Soprintendenza... La riflessione ci porta a pensare che non siano gli alberi a tradirci ma i controllori degli alberi.

Gli alberi sono patrimonio di tutti, microcosmi di vita, paesaggio, cultura, storia, ossigeno, bellezza, protezione..., non sono cose ma esseri, vanno rispettati.

Poichè i responsabili della gestione, del controllo, della valutazione, dell'abbattimento degli alberi di Firenze sono stati rinviati a giudizio, ci augurimo che la sentenza faccia giustizia.

Firenze, 16 marzo 2018

Mariangela Corrieri
Presidente Associazione Gabbie Vuote ODV – Firenze
Membro del CAART (Coordinamento Associazioni Animaliste Regione Toscana)

www.gabbievuote.it